Categoria: Rassegna Stampa

0

Cancellato dai mass media il successo della manifestazione di Eurostop

di GIORGIO CREMASCHI 10000 persone hanno manifestato a Roma con Eurostop e centri sociali. Una manifestazione bella allegra combattiva e assolutamente pacifica. Questo anche quando tre pulman sono stati fermati per nulla, impedendo a chi viaggiava con essi di raggiungere il corteo. Questo anche quando la polizia ha tentato una sciocca provocazione spezzando il corteo e cercando di isolare e poi minacciando i giovani dei centri sociali. Che però non sono caduti nella sfacciata trappola...

0

Superstato Europeo: a che punto siamo?

di SCENARIECONOMICI Ieri, come ben sapete, a Roma si sono tenuti i sessantanni dei Trattati di Roma dai quali, sotto diverse forme, si arrivò a quella che oggi conosciamo come Unione Europea, non solo un’alleanza tra stati, ma un vero e proprio superstato sovranazionale. Chi ci segue sa che osserviamo con estrema attenzione i processi che stanno conducendo ad un sempre più definito superstato europeo e in occasione di questo anniversario vediamo un po’ di...

0

Eurointelligence: come “non” uscire dall’euro – versione cinquestelle

di VOCI DALL’ESTERO (Wolfgang Munchau) L’unica lezione veramente importante che possiamo trarre dall’episodio di Varoufakis nel 2015 è che, se si vuole lasciare l’euro, si deve essere preparati – sia politicamente che dal punto di vista logistico. Lasciare l’euro non è un semplice punto di programma in una piattaforma politica, un qualcosa di cui parlare con nonchalance in una tavola rotonda o su cui tenere un referendum. È una questione più grossa della stessa Brexit. L’uscita da una moneta unica non può mai...

0

Nelle elezioni regionali del Saarland l’effetto Schulz non c’è

di FORMICHE.NET (Andrea Affaticati) L’Spd ci aveva veramente creduto di poter già incassare il primo bonus Martin Schulz (in foto). Ma l’esito delle elezioni tenutesi ieri nel Saarland, con un milione di abitanti, la più piccola delle regioni tedesche, si è rivelato un risveglio tutt’altro che gradito. Schulz stesso, eletto una settimana fa con il 100 per cento dei voti a capo del partito, l’ha ammesso senza giri di parole: “Questa non è certo una...

0

Migranti: solo la stabilizzazione della Libia può fermare gli sbarchi

di LOOKOUT NEWS (Rocco Bellantone) Il nuovo piano d’azione tracciato a Roma dal Gruppo di contatto sulla rotta migratoria del Mediterraneo centrale parte secondo i presupposti giusti. Ma restano dubbi sul nodo cruciale da sciogliere: con chi allearsi per risolvere la crisi libica? Come era prevedibile, le ottimistiche dichiarazioni d’intenti rilasciate lo scorso 20 marzo a Roma dai leader europei e del Nord Africa al termine della prima riunione del “Gruppo di contatto sulla rotta...

1

La battaglia di Damasco

di L’INTELLETTUALE DISSIDENTE (Mauro Indelicato) Nei quartieri di Jobar e Berzeh gli ultimi fronti interni alla città di Damasco: l’esercito siriano è impegnato alla definitiva messa in sicurezza della capitale, tra duri scontri e velleitarie controffensive islamiste. Sono ore decisive sia per la città che per l’intero paese impegnato nella dura lotta contro il terrorismo. Torna ad essere sotto i riflettori della guerra siriana la città di Damasco; la capitale, parzialmente sfuggita dalle fasi più...

0

Europa unita: 60 anni di sottomissione agli USA

di CONFLITTI E STRATEGIE (Gianni Petrosillo) Oggi si celebrano 60 anni di sottomissione dei popoli europei al predominio Usa. Dunque, non c’è proprio niente da festeggiare perché le uniche a spassarsela davvero sono le corrotte e codine élite europeistiche legate all’impero americano. Tutta l’impalcatura istituzionale dell’Ue, fin dagli esordi, è stata concepita per perpetrare questo assoggettamento dell’Europa agli Stati Uniti. I gruppi dirigenti europei difendono con le unghie e con i denti tale architettura federalista,...

0

A proposito di Dijsselbloem e della solidarietà dell’usuraio

di MEGACHIP (Simone Santini) Cominciamo con un dato di verità, visto che ormai viviamo di post-verità. Jeroen Dijsselbloem, capo dell’Eurogruppo (cioè l’organismo che riunisce tutti i ministri dell’economia e finanze dell’eurozona), presidente del consiglio dei governatori del MES (Meccanismo europeo di Stabilità, cosiddetto Fondo Salva Stati) nonché ministro delle Finanze olandese finora in carica, ovvero uno degli uomini più potenti della tecnocrazia europea… non ha mai detto che i paesi del Sud-Europa, tra cui l’Italia,...

0

Nulla da festeggiare

di ALBERTO MICALIZZI Oggi non sono a Roma perché non vi è nulla da festeggiare, perché non saprei da chi fuggire prima se dai traditori dei popoli europei che hanno scelto di servire la finanza apolide o dai saltimbanchi reazionari che propugnano anacronistici ritorni ad economie di auto-sussistenza o a sovranismi da campanile. Sento sulla mia pelle la sofferenza degli amici greci, dei contadini francesi, dei commercianti spagnoli che mi raccontano la stessa devastazione sociale...

0

Misteri e segreti degli alauiti

di ALBERTO NEGRI La città è morta. Così avevano detto allora i suoi abitanti in fuga, con poche e desolate parole, senza insistere troppo, come se avessero annunciato la scomparsa di un parente da tempo gravemente malato. Un rifugiato che avevo incontrato a Damasco era stato esplicito nel descrivere la rovina e mi aveva chiesto stupito: «Perché vai ad Aleppo?». Ma era lì che dovevamo andare. Anche se la guerra civile già divampava, le leggende...

0

Imperialismo (il mio 25 marzo)

di ALBERTO BAGNAI (…avrei avuto tanto da fare. Poi, scorrendo i tweet del mattino, ho visto che i simpatici gazzettieri continuavano a diffondere terrore. Loro sono il nemico, e io lo so, e loro sanno che io lo so, e che grazie a me lo sapete anche voi, e io so che loro sanno che io lo so. “Che fare? Che fare?” mi chiedono accorati e tremebondi i “qualcosisti”, quelli che vogliono fare qualcosa, qualsiasi...

0

Perché l’Europa sta celebrando il 60° anniversario del Trattato di Roma? (1)

di RETE MMT (William Mitchell) Il piccolo Stato di Malta (circa 420 mila abitanti), l’unico tra due nell’Eurozona ad avere l’inglese tra le sue lingue ufficiali, attualmente detiene la presidenza dell’UE per il 2017. È un compito, questo, introdotto nel 2009 con il Trattato di Lisbona, e permette a un Paese di influenzare l’agenda dell’Unione europea. Le regole impongono che Malta condivida questo compito con altri due Paesi (Olanda e Slovacchia) per formare la cosiddetta...